#iPhoneless Experiment – 15 signs you’re addicted to your iPhone

You won’t realise how much you are depending on technology until you brutally face its absence.

I used to consider myself a conscientious user, even reluctant to change some cosy old-fashioned status for new tech-savvy ways, just to do the same-damn-thing.
In fact I still struggle with embracing my Kindle 100%: my bag is heavier now, carrying Kindle and books at the same time, no matter what.

I was in denial. More than I could suspect.
I found myself being a guinea pig of an unintended experiment, so called #Iphoneless.
It comes the day in a Londoner’s life when you simply cannot avoid passing by a only-for-tourists area. You tried as much as possible, from time to time offering debatable options, however at some point you have to compromise yourself and go down deep into the damn crowd.

Little Digression – I used to love feeling lost in the crowd (weird, right?), crossing all kind of different faces and styles, feeling part of a melting pot of moods and minds and colours, and smells… no, I wasn’t drunk all the time, just really, really trying to see the bright side of my way to work every single morning.
Then the general anxiety grew on me and I started feeling as everybody else: being part of the cast of Walking Dead, just without soundtrack.

So it came for me the time to face the big deal.
Portobello Market. On Saturday. After lunch.
What I thought would never happen to me, eventually did and my iPhone has been stolen from my pocket.

My friend was truly impressed by my steadiness and my genuine aplomb.
I actually believed that myself.
As said, I thought I was not so depending on technology, but just someone who knows when and how to use it at pleasure.

Mark Renton, Cristopher McCandless, Trainspotting, Into the Wild

Well, it took me few hours to realise that I was closer to Mark Renton from Trainspotting than Christopher McCandless from Into the Wild, when it comes to define the relationship with my iPhone.
Because my iPhone was my addiction.

At first I was like “Actually, I don’t need it”, which really sounds like “I can quit whenever I want” statement. And then I realised I’ve put my data, notes and all little daily things on the damn iPhone. I was officially out of the world.

How I felt

Vulnerable – Like a knight without his armour. No callings, no texts, no Google, no City Mapper to help me out. What’s happening around me? How do I get there?

Not creative – Searching for inspirations, taking notes, planning and nurturing new ideas. How can I feed my brainstorm?
Photography, after writing, is my big love. I can’t take my camera with me all the time and iPhone has always been a reasonable compromise, sometimes a more discreet catcher of right moments. How do I do that now?

Jack Shephard, Lost series

Lost – My alarms (don’t tell me you manage to wake up with just one alarm, you liar!), my reminders, my contacts, all gone. And no jungle or Jack Shephard around me.

Stupid – After all, that was the deepest feeling, and also the saddest. How did I put myself into this? How dare I rely on my iPhone for everything?

And I know you’re now thinking “Well, it ain’t me, babe!”

Are you sure?

You might be in denial as I was, or perhaps you’re right, living an healthy relationship with your iPhone/smartphone.

To face the truth, here are 15 signs you are addicted to your iPhone.

1) Your phone is constantly in your hands. When you’re walking, talking to friends and family, when you’re watching TV, when’re you’re at the pub, theatre, concert, on the train, on the bus, on the lift, in queue and obviously in the toilet.

2) You don’t wake up unless your phone goes off.

3) You don’t know what time is unless you check on your phone.

4) You don’t know where you are unless you check on Maps.

5) You don’t know where to go unless you plan your journey on City Mapper or similar.

6) You open the calculator, because you trust your phone more than your brain (and maybe you’re right), even when it comes to 2 + 2.

7) When in stand-by, you unlock your phone trying to find something to do with it.

8) Your outdoor and social life depends on your phone battery. Generally, under 20% it becomes quite risky staying near you.

9) Your kindness with strangers depends on their phone charger availability. Better not be the iPhone 4’s one!

10) Your definition of nice place (restaurants, cafes, pubs) depends on free Wi-Fi access.

11) Also it depends on available sockets.

12) Your social network apps don’t need to refresh because they’re always open. Like, always.

13) You select clothes and bags based on their pockets: you don’t want them to be smaller than your phone, oh hell no!

14) For everything you do without using your phone, you’ll find a break to check it out, regardless.

15) If you forget your phone at home… wait, that’s not gonna happen!

If you’re positive to more than 7 signs, well, perhaps it’s time for you to re-consider your daily routine.
Since I have been #iPhoneless I decided to treasure my time, spending valuable hours without digging my brain into my beloved phone screen. I found out that I still can be creative and organised, probably even more human. I can still breathe, I’m alive! Can you believe that?!

#SavePalmyra

“It is lovely and fantastic and unbelievable, with all the theatrical implausibility of a dream. Courts and temples and ruined columns … I have never been able to decide what I really think of Palmyra. It has always for me the dreamlike quality of that first vision.” Agatha Christie

White-Camel-©-Eleonora-Farris-All-Rights-reserved

I’ve taken this picture during my first time in Syria, October 2009.
In my mind feels like yesterday and ages ago at the same time. I still remember tears gently growing and falling from eyes when I’ve seen a herd of white camels walking through the never ending desert on my way to Palmyra, while my companions were asleep, tired from a long road trip.
It was a magical path that I keep recalling as I’ve just dreamt of.

Who’s walking on that sand today is certainly crying whatever their beliefs are, with a heavy heart and a broken day behind.

Io sto con i mediocri.

Henri Cartier-Bresson, Le musée Tretyakov, Moscou, URSS, 1972. © Henri Cartier-Bresson/Magnum Photos.La percezione della realtà dipende molto da che parte ti prepari a vederla. La finzione ha spesso un riflesso più piacevole. Io preferisco la ruggine della verità, dove ogni sfumatura è speciale, anche se non l’hai notata.
E hanno ragione i mediocri in questo. Ma non tutti, solo quelli veri.
I finti mediocri smaniano per eccellere ed essere speciali senza esserlo mai. Affibbiano l’etichetta al mondo circostante, quegli stessi che decidono cosa è loro e cosa è degli altri, sempre con le etichette. Loro non sono mediocri.
Io sto con quelli veri. Quelli che stanno in silenzio e non pretendono di fare la fila quando distribuiscono qualità e ruoli. I mediocri non si lamentano, perché nessuno li ascolterebbe e loro lo sanno. I mediocri non ti dicono quanto è facile far tutto, perché non hanno idea di come cominciare, ma non cercano di farti capire il contrario. Sono onesti sui limiti e le possibilità.
I mediocri non giudicano, perché non acclamano il giusto e non additano ciò che è sbagliato. Sono sordi e muti, sono gli impermeabili umani sui quali i non-sense degli altri scivolano come acqua piovana. Sono modesti, ma non se ne vantano. Terminano le proprie mediocri giornate senza venirtelo a dire. Mangiano tre volte al giorno e non mettono il bando subito dopo. Leggono libri e non lo vedono come un traguardo. Vanno in palestra ma non osservano gli altri, sono mediocri e ci sarà sempre qualcuno migliore e peggiore di loro. A volte preferiscono il nero, ma poi magari decidono di optare per il bianco senza che tu lo sappia mai, perché non intendono dirtelo. Si commuovono senza che nessuno veda le lacrime. Potrebbero pure ricevere un complimento o una pacca sulla spalla, ma non c’ è nessuno a testimoniarlo.
I mediocri hanno un gusto proprio senza doverlo condividere con nessun altro perché venga approvato. Non sottolineano che mangiano poca carne con i vegani, né fanno l’elogio del bacon con carnivori. Falliscono e si rialzano e continuano a camminare anche controvento senza pensare di doverti rendere partecipe. Procedono con pazienza, a volte senza mai arrivare, ma col cuore leggero di chi non aspetta applausi o schiaffi.
I mediocri non vogliono essere presi come esempio perché non si sono posti il problema di essere interessanti. Non studieranno ingegneria elettro-antana-sblinda-con-scappellamento-a-destra per poi dirti che è facile trovare lavoro a Shanghai, né raglieranno contro chi cambia rotta e vita solo perché loro non hanno le palle di farlo. Non esporranno la propria mediocrità alla ricerca di qualcuno che prima o poi la consideri eccellenza. Non cercano approvazione o disdegno.
Non seppelliscono paure, non soffocano sogni, non succhiano anime, non aspirano a essere come te, non desiderano che tu sia come loro.
Trovano la pace dei sensi nelle proprie giornate, non perché si accontentano di essere mediocri ma perché ignorano il dovere di essere qualcos’altro.

The Endless Tale: 1) The Walker

Oh the passenger

He rides and he rides

He sees things from under glass

He Looks through his window side

He sees the things that he knows are his

magritte-el-maestro-de-escuela

Non sono sicura abbia una casa, o degli affetti.

Non so nemmeno se parli o possegga una voce sua. Un viso, un nome proprio.

Il problema è che penso non abbia una meta.

Si dice “Non importa la meta ma il viaggio per arrivarci” con la bocca arricciata, l’aria trasognante e quella postura che dovrebbe suggerire un’aria intellettuale e una certa compita soddisfazione per aver detto qualcosa di profondo. The Walker è la personificazione di questo concetto, ed è una delle creature principali della mia Endless Tale, il filtro con cui vedo e vivo Londra.

The Walker è colui che ti ritroverai affianco in ogni tuo percorso per le vie delle città. Che tu gli presti attenzione o no, The Walker sarà sempre nelle vicinanze, per farti sentire il suono dei propri passi. Non parla, non guarda, forse non respira nemmeno. Magari è un errore di Matrix. Veste in maniera anonima e ordinaria, per questo non lo noterai subito. Quasi un ombra o un pezzo dell’arredamento di quel treno che prendi ogni mattina per andare a lavoro. Non cercarlo tra la folla, ti troverà lui quando ti incammini per una delle tue mete.

Non cercare di parlargli, non cercare il suo sguardo, non è stato programmato per questo. Il suo silenzio è una presenza materiale che pone distanza vera tra te e lui. Tuttavia lo senti quando cambia linea, nei lunghi corridoi che portano da una linea all’altra della metropolitana. I passi, i suoi passi regolari saranno l’unico suono che ti darà la certezza che è vivo, mosso dalle forze di una sua personale unica natura. Non getterà mai uno spicciolo nel cappello sformato del suonatore di fisarmonica che sosta nell’affollato passaggio sotterraneo, perché fermerebbe il ritmo dei suoi passi, sempre regolari e cristallini nel contatto con il pavimento infinitamente calpestato. Potresti pensare che ha fretta, ma non corre né lo farà mai.

Baker Street, Oxford Circus, Green Park, Westminster, Angel, Euston sono tra le sue stazioni preferite, ma non è detto che non sia possibile trovarlo anche nelle vicinanze di un parco, se c’è un percorso che prevede la possibilità di accogliere la cadenza ritmica dei suoi passi. La sua Travel Card è sempre carica, quindi non ti intralcerà mai davanti al tornello in cui passi la Oyster, lo sai perché, perderebbe il ritmo. Forse ogni tanto prende al volo l’Evening Standard all’entrata della stazione, se chi li distribuisce trova la traiettoria adatta a far sì che che il giornale possa essere preso senza rallentare la maratona senza meta né fine, ma non lo leggerà mai, se te lo stavi domandando.

Puoi trovare banchi interi di Walkers, come pesci si muovono all’unisono, ma nessuno di loro è connesso all’altro, è solo una casualità del loro naturale habitat. A volte sono rimasta ammaliata dal Walker e dalla sua completa assenza di coinvolgimento nel mondo degli altri umani, altre volte mi ha spaventata.

Però mi sono sempre chiesta: se inciampo, faccio la fine di Mufasa, travolto e morto dalla mandria di bufali troppo concentrati a scappare per accorgersi di lui?

Leggi anche Londra: the Endless Tale

Londra: the Endless Tale

Dipingo gli oggetti come li penso, non come li vedo. (Pablo Picasso)

Tre anni fa ho messo in valigia la collera, come direbbe Caparezza, e sono approdata nella città dei miei sogni di bambina, quelli dove i Beatles erano cartoni animati, eroi con un sottomarino giallo trasmessi sul dimenticato canale TeleMontecarlo, e quelli dove Geri Halliwell era ancora nelle Spice Girls con la bandiera inglese a forma di vestitino paiettato (aiuto, sto invecchiando, ma se te li ricordi mi fai buona compagnia).The_Beatles_Cartoon

Ho trovato Londra come me l’ero immaginata, con qualche sfumatura in più.
Affollata, nuvolosa, ma molto simile a una benevola anziana signora che accoglie orfani e li tiene con sé, finché ognuno di loro non trova la propria strada.
Quanti pensieri e quanti sogni hanno attraversato le vie di Londra?
Un brusio assurdo e assordante, perché’ Londra è una di quelle città che non dorme mai. Io ne sono sempre rimasta affascinata.

C’è chi dice che Londra è perfetta per lo shopping o per un weekend, chi la odia perché’ dice che-a-Londra-sei-solo-un-numero. Qualcuno amerà i pub, qualcuno i parchi, qualcuno dirà che gli piacciono gli inglesi!

Io vedo Londra come una scatola di latta, molto simile a quella che Andy Dusfresne lascia a Red quando esce di prigione in The Shawshank Redemption, preziosa e ricca, con dentro le chiavi per aprire le porte del mondo. shawshank boxNella mia scatola però ci sono persone e personaggi che raccontano le proprie storie. A volte non lo fanno, ma sono io che le invento osservandoli quando incrociano la mia strada. Colori, voci e suoni che rimangono incollati a un viso diventano improvvisamente le storie che sussurrano e implorano di diventare dipinti completi nella mia mente, eventualmente parole su qualche pagina ancora bianca.

Ho sempre amato osservare la realtà a me circostante, e devo ammettere che il mio soggetto preferito sono sempre stati gli umani. Nel mio primo periodo a Londra, mentre andavo alla scoperta della città, il momento migliore era viaggiare nella metropolitana perché incontravo per pochi secondi migliaia di storie mai raccontate, racchiuse negli occhi e nei gesti della moltitudine di persone che viaggiavano con me. Io sono convinta che ogni storia ha il suo fascino, anche se non tutte vanno narrate.
Londra è per me un set cinematografico, come pure un libro di mille fiabe, quelle con le illustrazioni che mai abbandoneranno le tue memorie.

Inutile dire che non esistono solo le storie eccezionali, quelle di ogni suo abitante e visitatore. Londra serba i suoi peculiari personaggi. Coloro che fanno parte del plot delle storie di tutti noi, poiché sono il cast della città, l’accento che rende Londra il luogo che abbiamo definito nella nostra mente.

Sono conosciuti a tutti, ma sono talmente intrinsechi a Londra che si finisce per non vederli più come personaggi ma semplicemente come parte della cornice di elementi che fanno parte della natura di questa città. Potremmo dire che fanno parte del Matrix, e rendere tutto più affascinante.

Questa è la mia rubrica dedicata a loro, i soggetti che rendono questa città magica e misera, vera e vile, frenetica e ferma nella sua unicità, sempre pronta a stupirti e divorarti nel nonsense delle sue speciali regole.

Magari non lo sai, ma anche tu sei parte del cast.